domenica 19 maggio 2013

Sacconi dal vivo. Antiabortista abortivo

marcia
Domenica 12/05/2013 si è svolta a Roma la Marcia per la Vita, manifestazione dalla quale si può benissimo dissentire, ma comunque legittima.


Niente da dire, se non fosse che nel 2008 il nostro baldo paladino della vita, appena insediatosi come Ministro del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, come primo provvedimento – che fu anche il primo provvedimento del Governo Berlusconi ter – ebbe la bella idea di abolire la legge 188 del 17 ottobre 2007 che impediva la pratica della cosiddette dimissioni in bianco.
Su questo tema è possibile leggere l'inchiesta realizzata da Maria Novella De Luca per Repubblica.

Cosa c'entra? Stando ai dati Istat, con questa pratica hanno già perso il lavoro 800.000 donne, nel 90% dei casi "dimesse" dal lavoro a causa di una gravidanza.

Non crede l'on. Sacconi che questa spada di Damocle possa indurre non poche donne ad abortire?

3 commenti:

  1. I finti amici dei non nati si accaniscono sulle gravide.
    Forse intendono contenere le statistiche sulla disoccupazione.

    RispondiElimina
  2. ma una persona esiste nel momento in cui esce dalla vagina o già quando sta nella pancia della madre?

    RispondiElimina
  3. una persona esiste nel momento in cui l'anima si infonde nel corrpo.Si è dibattuto molto su quando sia esattamente quel momento (non solo in tutte le religioni,come ovvio,ma anche molto dal punto di vista lauco/filosofico).Personalmente ritengo che quel momento sia quando l'embrione diventa feto (cioè tra il 60esimo e il 70esimo giorno di gravidanza nel caso di noi esseri umani) ergo qualsiasi aborto praticato oltre il 60esimo giorno è omicidio

    RispondiElimina