giovedì 26 novembre 2015

L'Argentina, Che Guevara e le pecorelle grigio pallido

Mauricio Macri (cropped).jpgIl liberale Mauricio Macri, magnate, ex-presidente del Boca Junior e candidato per il centro-destra, è il nuovo presidente dell'Argentina; termina così l'era Kirchner, un'epoca forse controversa, ma che pare abbia portato il Paese fuori dalla crisi del 2001,[1] crisi determinata, se non sbaglio, da politiche austeritarie, neoliberiste e monetariste, imposte dal Fondo Monetario Internazionale, come spiegava ad esempio il premio Nobel Stiglitz in un'intervista del 2011.[2] Per inciso, secondo alcune fonti, a coordinare queste politiche avrebbe contribuito anche il nostro attuale ministro Pier Carlo Padoan.[3]
Tuttavia, a quanto pare, negli ultimi quattro anni i problemi economici per il Paese hanno ricominciato a farsi acuti e questo è costato caro al fronte kirchnerista.
A me sono tornate in mente le parole di un noto argentino, forse il terzo argentino più famoso dopo Maradona e papa Francesco, anche se in realtà poco conosciuto veramente.
«L'Argentina era una pecorella grigio pallida, però si distingueva dal mucchio; adesso ormai avrà lo stesso colore delle sue venti perfette sorelle: si dirà messa con grande partecipazione di fedeli riconoscenti, la gente potrà finalmente rimettere la feccia al suo posto, i nordamericani investiranno grandi e benefici capitali nel paese: insomma, un paradiso. Io francamente, non so perché, ma rimpiango il colore grigio della pecorella.» 
(Ernesto Che Guevara, 7 ottobre 1955, in una lettera alla zia Beatriz.)
La lettera risale a cinquanta anni fa, il contesto oggi è diverso e molte delle altre "pecorelle" non sono più così "bianche", ma per certi versi mi sembra abbastanza attuale.




[2] Tomás Lukin e Javier Lewkowicz, Con La Guida Del FMI, I Risultati Furono Disastrosi, pagina12.com.ar, 9/12/2011, tradotto da comedonchisciotte.org.


[3] Franco Fracassi, Padoan, l'uomo che spinse l'Argentina nell'abisso, http://popoffquotidiano.it/.

Nessun commento:

Posta un commento